30 set 2012

Fiaba di un'isoletta abbandonata vicino Venezia

Oggi vi raccontiamo la storia di una piccola isoletta sabbiosa e abbandonata nella lacuna di Venezia... si avete capito bene c’era una piccola isola abbandonata proprio vicino Venezia, una delle mete turisticamente più ambite d’Italia!!!
Questa piccola isola si trova a mezz’ora di barca a remi da Venezia e se ne stava li nell’abbandono sola sola nella grande laguna veneziana!!!

Nel mese di Marzo la piccola isola fu attaccata da un gruppo di contadini urbani, quelli di Spiazzi Verdi!!! Si fu “vittima" di un “attacco verde” ed adesso è diventata una piccola fattoria clandestina.

L’attacco fu ben pianificato essendo la piccola isola spersa nella laguna. Si tratta, infatti, di un ettaro di terra sabbiosa, di cui nessuno si occupava più da decenni, ricoperta d’erba e viti abbandonate a se stesse.

Nel loro quartier generale, che si trova nell’orto collettivo delle Zitelle, alla Giudecca, i contadini urbani si sono organizzati e hanno scelto di piantare patate e topinambur (un tubero simile alla patata) per ovviare il problema che l’orto sarebbe cresciuto con poche cure (si tratta sempre di una piccola isola deserta!!) e poca acqua.

I contadini urbani di Spiazzi Verdi si ispirano a Anthony Wigens in "The Clandestine Farm" (Granada publishing, 1981): non avere legami di proprietà con la terra, coltivare quella che viene abbandonata, non sfruttarla ma arricchirla di biodiversità, di sostanza organica, di cultura.

Dopo il primo attacco, sulla nostra piccola isoletta, sono state piantate anche angurie sugar baby, camomilla, verbena, fagioli dall’occhio, rabarbaro.
P.S. l’esatta posizione della piccola isola per adesso è top secret ;-)


Per saperne di più:

www.spiazziverdi.blogspot.it